FITAV - COMITATO REGIONALE LOMBARDIA


Vai ai contenuti

 

Giovanni Zamboni iridato di Compak a squadre

  

A Coullons in Francia, la rappresentativa azzurra del Compak (Percorso di Caccia in Pedana) ha conquistato il titolo Mondiale a squadre per Nazioni nella categoria Veterani, grazie alle performance del gavardese Giovanni Zamboni, Claudio Bortot di Treviso e del tiratore di Riccione Angelo Troni.

A questo appuntamento iridato hanno partecipato 476 tiratori (77 i Veterani) che si sono trovati a fare i conti con tanta pioggia e un forte vento che hanno condizionato non poco la gara, visto che le pedane francesi non erano dotate di nessun tipo di copertura.

Nella classifica individuale, Zamboni, presenza fissa da 3 anni nella nostra nazionale, è giunto quinto, con uno score finale di 178/200, mentre Bortot ha concluso con il punteggio di 181 e Troni con 154.

Un titolo questo - ha sottolineato Zamboni -  che dedico al mio nipotino Andrea nato il 3 settembre". Una stagione da incorniciare per il tiratore gavardese, 58 anni, affiliato all’As Trap Concaverde di Lonato che spara con un fucile Perazzi MX8 e utilizza cartucce Fiocchi visto che a giugno, sulle pedane ternane del Tav Parrano, aveva vinto con gran merito sia il titolo Europeo individuale che quello a squadre di Compak Sporting, sempre della categoria Veterani.

In quella occasione, si mise in evidenza anche Ottorino Rovetta, bresciano accasato al Concaverde, che vinse il titolo Continentale a squadre nella categoria Super Veterani.  Anche Rovetta ha fatto parte della spedizione azzurra in Francia ma, questa volta, è rimasto fuori dal podio.

Per Zamboni è quindi tempo di far spazio nella sua bacheca a questo ennesimo trofeo a 18 carati che va ad aggiungersi al bronzo vinto ai mondiali del 2006 in Minnesota, l’argento degli europei in francia nel 2007 e l’argento individuale conquistato ai Mondiali del 2008 sulle pedane romane di Valle Aniene. A questi, dobbiamo aggiungere altri due bronzi vinti alcuni anni fa agli Europei in Austria e ai mondiali di Cipro.

 

 



Torna ai contenuti | Torna al menu