FITAV - COMITATO REGIONALE LOMBARDIA


Vai ai contenuti

 

Gran Premio D’Italia e Campionato Italiano

Settore Giovanile al Tav Cieli Aperti

Atleti lombardi in evidenza con un ricco medagliere

 

Un titolo tricolore, due vice campionesse italiane e un bronzo, oltre a un oro e due medaglie d’argento nel Gran Premio D’Italia.

Questo, in sintesi, il bottino dei giovani atleti lombardi al Gran Premio D’Italia del Settore Giovanile, con alcune prove valide appunto anche per i titoli tricolore, disputatosi sabato 1 agosto sulle pedane del Tav Cieli Aperti di Cologno al Serio in provincia di Bergamo, con 266 tiratori provenienti da tutta Italia al via.

Protagoniste le tre discipline olimpiche del Trap, dello Skeet e del Double Trap, con tutte le categorie e qualifiche che il panorama dello spumeggiante Settore Giovanile è in grado di offrire.

Risultato: un successo, sia in termini di partecipazione che qualitativo e organizzativo, che è andato ben oltre ogni più rosea previsione.

A suggellare tutto ciò, sono state anche le parole del c.t. azzurro del Settore Luciano Giovannetti. Il due volte campione olimpico toscano, oltre a ringraziare atleti, genitori e la Federtiro italiana, ha elogiato il bello quanto funzionale Centro di Renato Lamera, impeccabile padrone di casa, ma soprattutto ha fatto una breve analisi tecnica particolarmente importante. “Questi giovani – ha detto Giovannetti – non finiscono mai di stupirmi piacevolmente. Oggi ho visto fare loro cose incredibili per atleti così giovani. Tantissimi risultati, sono degni di finali internazionali, l’impegno profuso e la caparbia serietà con la quale questi giovani e giovanissimi hanno affrontato la gara non è stata da meno. Sono stati grandi ed elogiarli e ringraziarli è un doveroso riconoscimento che mi sento in dovere di fare a tutti quanti”.

Sulla stessa lunghezza d’onda le parole del Consigliere Nazionale Italo Mastrangelo con al suo fianco il coordinatore del Settore Giovanile Alberto Di Santolo.

Al presidente della Fitav Lombardia Daniele Ghelfi, il compito di ringraziare a sua volta la Federtiro Italiana per questa opportunità di poter ospitare una gara così pregiata, dove i giovani sono stati grandi protagonisti, su un centro lombardo che, per bellezza, tecnologia e ospitalità, sta conquistando sempre più ampi consensi.

Un ringraziamento speciale, poi, per i direttori di Tiro, coordinati con grande professionalità dal giudice nazionale Adriano Gobbo con Celestino Navarra come ottimo Refes, per l’impegno profuso nel portare a termine con ammirabile passione questa lunga e per nulla facile maratona in pedana.

Andiamo adesso a leggere nei dettagli le performances dei nostri atleti a iniziare dal titolo tricolore di Daniela Cisotto nella categoria Esordienti.

La giovane e unica rappresentante della specialità, affiliata al Cas Concaverde, seppure senza rivali nell’occasione ha, per così dire, aperto uno spiraglio in questa disciplina olimpica che ha bisogno di nuove leve sul nostro territorio.

Restiamo tra le Lady per dar voce alla gioia di Nausica Cirillo (Tav Sant’Ambrogio -MI) e Mhabel Becchi (Tav Mattarona - MN), due atlete ben note che, tra le Juniores dello Skeet, hanno conquistato rispettivamente il secondo e terzo posto della prova tricolore.

Seppure ben poco vi era da fare di fronte a una imprendibile Virginia Orlando (Tav Ferrandina) in netto vantaggio dopo i tempi regolamentari, sono riuscite a contenere la reazione di alcune avversarie. In particolare Mhabel Becchi che, entrata in finale con il quarto risultato utile, nel barrage ha superato Rossella Renzi (Tav Cisterna), sua diretta antagonista per il podio.

Duello al vertice tutto lombardo, tra Simone Vedovelli e Umberto Isalberti, nel barrage degli Juniores del Double Trap.

A conquistare il gradino più alto del podio del G.p. D’Italia, è stato  il  sedicenne tiratore mancino di Ghedi  (BS) Simone Vedovelli, che difende i colori del Tav S. Fruttuoso di Castel Goffredo (MN).

Vedovelli, entrato nella finale a 6 con il secondo miglior punteggio (131/150) è riuscito a ricucire il gap di un piattello dall’alfiere del Tav Cieli Aperti Umberto Isalberti, costringendolo allo shoot - off, fino a guadagnarsi l’oro.

Miglior punteggio di accesso in finale per Isalberti (132/150) incalzato da Vedovelli con il suo 131/150. Finale dunque al cardiopalma per questi due bravissimi interpreti della specialità, che hanno già avuto modo di distinguersi a livello nazionale.

Vedovelli chiudeva la prova con 45/50, un piattello in più di Isalberti che, raggiunto in extremis, doveva ricorrere ai supplementari. Uno zero per lui con Vedovelli preciso nel doppio lancio.

Questo il responso dello shoot – off che ha posto il sigillo su una gara da incorniciare per entrambe i contendenti.

Aspettando la finale tricolore del 5 e 6 settembre, che si disputerà sempre sulle pedane bergamasche del Tav Cieli Aperti, di buon auspicio è inoltre l’argento di Andrea Miotto di Ciliverghe, che negli Juniores della Fossa Olimpica, ha mancato l’oro per 2 piattelli.

 Il portacolori del Cas Concaverde, dopo essere entrato in finale con il miglior punteggio (72/75), ha concesso qualcosa di troppo al perugino Matteo Marcellini (Tav Umbriaverde) che, nel rusch finale a un solo colpo, è riuscito a totalizzare 2 piattelli in più.

Quando la finale è a un solo colpo, tutto può accadere, ed ecco l’adrenalina dei finalisti schizzare alle stelle, con sempre in agguato la tensione del momento, che ti può giocare brutti scherzi.

E’ quello che è successo a Miotto, con un doppio errore in partenza e ancora una bicicletta al sesto e settimo lancio, che gli sono costati davvero cari.

Il tutto, mentre Marcellini pareva aver ingranato il turbo, dopo essere entrato in finale con il punteggio di 71/75.

Senza macchia infatti la sua gara fino al 16.mo lancio. Anche per l’alfiere del Tav Umbriaverde, ecco affiorare la tensione, che si concretizza con un doppio zero al 20.mo e 21.mo lancio.

Scampoli di speranza per Miotto che però, oltre a vedere il suo antagonista rigare diritto fino al termine, fa squillare il campanello al 24.mo piattello. A quel punto, comunque, l’argento almeno era salvo, nonostante il vercellese Simone Bo (Tav S.Giovanni), giunto terzo,  gli sia stato incollato per quasi tutta la gara.

L’altro argento della famiglia Miotto, porta la firma del giovanissimo ma più che promettente Luca. In questo caso, nella categoria Esordienti, con in palio il titolo italiano sui 50 piattelli e tanto di barrage sui 25 lanci.

Luca Miotto, anche lui accasato al Cas Concaverde, dopo il 46/50 iniziale, ha dovuto arrendersi solo alla perfezione (25/25) del brindisino Antonio Torsello nel barrage conclusivo.

Da segnalare inoltre le prove dei bresciani Francesco Bontempi e  Francesco Del Bon, che si sono guadagnati il “passe” per la finale tricolore.

 

Classifiche

 

Fossa Olimpica

Juniores: 1) Matteo Marcellini (Tav Umbriaverde) 93/100 (71+22); 2) Andrea Miotto (Tav Concaverde) 91 (72+19); 3) Simone Bo (Tav S. Giovanni) 90 (72+18).

 

Juniores Femminile: 1) Erica Marchini (Tav Asti) 86/100 (66+20); 2) Celeste Pozzi (Tav Monopoli) 84 (65+19); 3) Jessica Bartoli (Tav Monopoli) 82 (62+20+6).

 

Allievi: Pierpaolo Gattari (Tav Pull Club Corridonia) 96/100 (71+25); 2) Benedetto Noto (Tav Rosolini) 94 (70+24); 3) Yuri Parri (Tav Rimini) 93 (70+23+2).

 

Allievi Femminile: 1) Silvana Stanco (Tav Priama) 85/100 (61+24); 2) Giulia D’Annizzo (Tav Cisterna) 83 (62+21); 3) Alessandra De Marchis (Tav Valle Aniene) 81 (62+19).

 

Giovani Speranze: 1) Carlo Bancarella (Tav Spinella) 95/100 (71+24); 2) Piero Puleo (Tav Traversa) 93 (70+23); 3) Giacomo Luongo (Tav Falco) 92 (70+22).

 

Esordienti: 1) Antonio Michael Torsello (Tav Diana) 71/75 (46+25); 2) Luca Miotto (Tav Concaverde) 67 (46+21); 3) Andrea Boeri (Tav Casarzese) 65 (43+22).

 

Esordienti Femminile: 1) Alessia Iezzi (Tav S. Uberto) 71/75 (46+25); 2) Jessica Tosti (Tav Lugnano) 60 (41+19); 3) Krizia Domenica Laganà (Tav Crucoli) 54 (35+19).

 

Skeet

Juniores: 1) Tammaro Cassandro (Tav Raimondo) 96/100 (72+24); 2) Angelo Moscariello (Tav La Tana del Lupo) 95 (71+24); 3) Vincenzo Grizi (Tav Pisana) 91 (70+21).

 

Juniores Femminile: 1) Virginia Orlando (Tav Ferrandina) 65/75; 2) Nausica Cirillo (Tav Sant’Ambrogio) 59 (39+20); 3) Mhabel Becchi (Tav Mattarona) 53 (34+19). Esordienti: 1) Gabriele Rossetti (Tav Montecatini) 69/75 (45+24); 2) Alessio Evangelisti (Tav Monopoli) 59 (39+20); 3) Nicolò Cicuti (Tav Giorgini) 48 (31+17+1).

 

Esordienti Femminile: 1) Daniela Cisotto (Tav Concaverde) 20/75 (14+6). 

 

Allievi: Andrea Zonfrilli (Tav Pisana) 88/100 (70+18); 2) Giandomenico Savanella (Tav Orosei) 87 (65+22); 3) Simone Vizzon (Tav Campoformido) 84 (62+22+4).

 

Double Trap

 

Juniores: 1) Simone Vedovelli (Tav S. Fruttuoso) 176/200 (131+45+2); 2) Umberto Isalberti (Tav Cieli Aperti) 176 (132+44+1); 3) Federico Romeo (Tav La Tranquilla) 172 (127+45).

 

Allievi: 1) Andrea Vescovi (Tav Olimpico Foligno) 170/200 (127+43); 2) Antonio Miglietta (Tav Lecce) 142 (105+37) 3) Andrea Tagarelli 140 (106+34).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 




Torna ai contenuti | Torna al menu