FITAV - COMITATO REGIONALE LOMBARDIA


Vai ai contenuti

 

Campionato regionale invernale lombardo di fossa olimpica

Ultimi spari prima della finale al Concaverde.

 

Il Campionato Regionale Lombardo Invernale di Fossa Olimpica, valido anche per l’assegnazione dei “passe” per il Campionato Italiano, sia individuale che per società,  è ormai alla vigilia del gran finale, fissato per domenica 22 febbraio sulle pedane gardesane dell’As. Trap Concaverde di Lonato del Garda in provincia di Brescia.

Tempo dunque di bilanci e di proiezioni dopo sei giornate intense e ricche di spunti giornalistici.

Campionato Invernale voleva essere e campionato Invernale è stato.

Senza farsi mancare proprio niente, dal grande freddo alla neve abbondante, con tanto di nebbia qua e la che comunque non ha spaventato più di tanto i tiratori.

Anche a Mattarona e Uboldo, quando si pensava di essere ormai fuori o comunque ai margini della morsa del freddo e della neve, gli scenari hanno confermato che il “generale Inverno” questa volta non ha concesso sconti.

Nonostante ciò, i tiratori hanno risposto numerosi dando dimostrazione di grande dedizione e serietà.

Un premio, questo, sia per il mondo del tiro a volo tutto che, in particolare, per la Federtiro Lombarda, con al timone Daniele Ghelfi e uno staff di prim’ordine.

Una formula dunque che è piaciuta, con 2 prove su otto da poter scartare, che è stata il forse il volano di tanta convinta partecipazione.

Mesero, Uboldo, Arluno, Fagnano, Bergamo, Concaverde, S. Fruttuoso, Cieli Aperti, Bettolino, Mattarona e Bonate, questi i centri che hanno visto confrontarsi i tiratori divisi nelle zone Est e Ovest, con classifiche che verranno unificate prima della finalissima.

Uno sguardo dunque ai papabili della vigilia a iniziare dalle società, tra le quali trova spazio, nella Zona Est,  il “Poggio dei Castagni”.

Il sodalizio bresciano, presieduto da Loretta Zani, si è rifatto il look e, visti i risultati fin qui osservati, con successo.

Sua la leaderschip tra le società, così come sono molti i suoi tiratori che figurano nelle parti alte, per non dire altissime, delle classifiche provvisorie in tutte le categorie.

Rimanendo nella zona Est, a puntare in alto sono anche il Concaverde di Lonato (BS) e il S. Fruttuoso (MN) mentre nella zona Ovest, non nascondono mire di successo i Tav Arlunese  (MI), Campanile di Mesero (MI),  Belvedere di Uboldo (VA) e Fagnano Olona (VA).

Per quanto concerne le classifiche individuali, ecco uno spaccato che da il polso della situazione con la finale che preme alle porte.

Nelle categorie Eccellenza/Prima unificate, a brillare sono Manuel Corbellini, neo “acquisto” del Poggio dei Castagni che lo scorso anno vinse il trofeo “Top Ten” e non è certo una sorpresa, semmai un tiratore rimasto stranamente in ombra nonostante le sue indubbie capacità sia sportive che morali, che merita sicuramente molto più di quanto abbia finora raccolto. Da tenere d’occhio e, chi ha orecchie per intendere …

Oltre a lui, a candidarsi per il successo finale troviamo anche Ennio Tomasoni, Bruno Sabattoli, Renato Ferrari, Dario Premoli e Roberto Cavagnoli ad Est, mentre ad Ovest

Non ci stanno certo a fare da comparse Stefano Mariani, Pierantonio Venturini e Maurizio Florian, altrettanto intenzionati a salire sul podio.

Che dire poi dei Seconda, con Santo Napoli quale avversario più temibile, Marco Del Picco e Graziano Piva ad Ovest ai quali rispondono con altrettanta veemenza Riccardo Poli, Giosuè Alberti e Giovanni Giudici sul fronte Est.

Riuscirà il giovane Alessandro Rubinelli, rivelazione di questo Campionato Regionale, a mantenere i nervi saldi anche in finale ?

Ed è con questa domanda, che andiamo ad esplorare il fronte dei Terza, sicuramente il più intrigante e interessante da seguire visto l’affollamento, con tanti papabili per un posto al sole.

Oltre a Rubinelli, altro tiratore che sta comportandosi piuttosto bene è Ugo Caldera, che quest’anno è partito “sgommando” e continua a reggere il ritmo, oltre a Maurizio Moioli, Elio Canobbio e Rolando Ferrari.

Nella zona Ovest, a pilotare il plotone dei Terza sono invece Adolfo Conoci, Mario Scattini, Michele Misenti, Alessandro De Pietri e Marco Clerici.

Ma il tempo dei pronostici è ormai quasi scaduto e, si sa, la finale potrebbe anche stupirci con qualche outsider che imbrocca la giornata giusta, pronto a smentirci e rimescolare così le carte in tavola.

La nostra disciplina sportiva è bella anche per questo; proprio perché riesce a regalarci sempre nuove emozioni e nulla è davvero scontato

 

 

 




Torna ai contenuti | Torna al menu