FITAV - COMITATO REGIONALE LOMBARDIA


Vai ai contenuti

 

Campionato regionale estivo 2010 di Trap:

dopo 3 intense e calde giornate di gara assegnati a Uboldo

i titoli regionali di Seconda, Terza, Veterani, Master e D.F.

Dopo la prima prova disputasi al Trap Concaverde Lonato del Garda e quella al Tav Cieli Aperti Cologno al Serio è stato il Tav Belvedere di Uboldo ad ospitare domenica 11 luglio la terza e ultima prova del Campionato regionale estivo lombardo alla Fossa Olimpica.

Per l'atto conclusivo si sono presentati in 180 tiratori, che hanno sfidato la soffocante cappa di caldo con l'umidità alle stelle in questa finale dove, oltre ai titoli regionali di Seconda, Terza, Veterani, Master e Disabili Fisici si è lottato anche per la conquista dei “passe” per finale nazionale.

Conferme, sorprese e colpi di scena non sono certo mancati nel corso delle 3 prove che alla fine laureato Campioni regionali Adamo Folloni (Seconda), Luciano Bono (Terza), Giacomo Bovolenta (Veterani), Marco Barbieri ( Master), Antonio Pesenti (D.F. In piedi) e Omar Radaelli (D.F. Seduti).

Un campionato questo che fin dalla prima giornata, con in pedana oltre 280 tiratori al Concaverde alla presenza del Presidente nazionale Luciano Rossi quale ”starter” d'eccezione, ha fatto emergere tutta la grinta e la voglia di misurarsi dei nostri tiratori che si sono misurati sui 100 piattelli in ciascuna prova e i barrage sui 25 lanci per i migliori 6 classificati di ciascuna categoria e qualifica con classifica finale a punti e la possibilità di scartare una prova, il tutto sotto l'egida del Responsabile regionale della Federtiro Lombarda Pietro Saquella.

Premesse, queste, che si sono tradotte in un gran successo dell'intero circuito che grazie ai protagonisti in pedana ha acceso gli animi con duelli al cardiopalma fino al triplice fischio finale e, in taluni casi, ai tempi supplementari.

E' stato questo il caso della corsa al secondo e terzo gradino del podio tra i Seconda categoria dove, una volta assegnato il l'alloro regionale al portacolori del Poggio dei Castagni Adamo Folloni, a duellare per i restanti gradini del podio sono stati Roberto Armani (Concaverde) e Fernando Caim (Poggio dei Castagni), classificatisi nell'ordine.

Il gettonatissimo bergamasco Marco Bassani (Bettolino di Trenzano) che ricordiamo vincitore della prima prova è scivolato in ottava posizione ed è questa una sorpresa visto che in molti lo davano tra i papabili per un posto al sole. Chi ha rispettato i pronostici sono stati indubbiamente Folloni e Armani, gli altri candidati al successo che hanno mantenuto una tabella di marcia costante. Tra loro, è stato decisamente bravo l'alfiere del Poggio dei Castagni Fernando Caim a inserirsi a pieno titolo quale terzo incomodo, così come vanno sottolineate le brillanti prove di Giovan Battista Giudici, Cristian Landini, Enrico Rossi e Sergio Sanzogni, giù dal podio ma bravi interpreti sempre in primo piano.

Ancora una volta, a mandare in fibrillazione questo rusch finale sono stati i Terza categoria, la pattuglia più affollata per cui, vincere o comunque arrivare vicini alla cima della piramide assume una valenza del tutto speciale. Giusto per completare il quadro e rendere ancor più incandescente questa lotta al titolo e al podio, si è andati allo shoot off sia per decretare il Campione regionale che per assegnare il terzo posto.

A misurarsi per il titolo sono stati Luciano Bono (Tav Cieli Aperti) e Ugo Sabatti (Tav Valle Duppo), classificatisi nell'ordine mentre, a dar vita allo spareggio per il terzo e quarto posto troviamo Enrico Massardi (Poggio dei Castagni) e Roberto Casale che difende i colori del Tav Il Campanile di Mesero. A spuntarla è stato Massardi ma il quarto posto di Casale rimane di grande prestigio.

Discorso diverso per la qualifica Vaterani, dove in pratica l'assegnazione del titolo è avvenuta “a tavolino”. Giacomo Bovolenta e Marco Del Picco, entrambi affiliati al Tav Arlunese, appaiati al comando, hanno infatti deciso di scartare proprio la terza e ultima prova risultando quindi assenti.

Al comando della classifica però ci sono rimasti fino al termine e quindi il titolo è stato assegnato in virtù dell'ultima miglior serie valida.

Corona regionale dunque per Bovolenta e argento a Del Picco che ricordiamo protagonista di un avvincente spareggio al Concaverde con Lorenzo Delle Carbonare che gli valse il terzo posto.

Bene, anzi benissimo Armando Barbi del Tav Valle Duppo che ha conquistato un non facile terzo posto tallonato d'appresso da alcuni avversari assai coriacei come Enrico Carenini, Dermille Beltrami, Angelo Belotti e, appunto il costante Delle Carbonare, argento nella prima prova, che pareva lanciato verso ben altre posizioni in classifica generale.

Altra competizione molto accesa è risultata quella della qualifica Master, con un elevato numero di tiratori nell'ampia rosa dei papabili della vigilia e con qualche colpo di scena nel finale a guarnire questo dessert. Già il primo piatto, quello servito al Concaverde, aveva dato non poche emozioni con Mario Pillinini e Gianfranco Mosca protagonisti di altrettanti 25/25 nella finale e lo spareggio per le posizioni di rincalzo tra il Campione italiano invernale 2009 Piero Burnelli e l'alfiere del Tav Il Campanile di Mesero Giovanni Tondo.

Un doveroso passo indietro questo, giusto per capire come la kermesse sia andata poi evolvendosi con il solo Mosca (Tav Belvedere) a salire poi sul terzo gradino del podio finale mentre Pillinini e Burnelli non sono riusciti a concretizzare la loro partenza a dir poco bruciante.

A “ bruciare” le loro peraltro giustificate ambizioni sono stati tre esponenti di spicco del Tav Belvedere ovvero il neo Campione regionale Mario Barbieri, il vice Campione Piergiovanni Giagnoni e il già citato Gianfranco Mosca classificatosi alle loro spalle.

Anche in questo frangente, da segnalare le belle prove di Giovanni Tondo (Tav Il Campanile di Mesero) e Sergio Farè del Tav Belvedere di Uboldo.

Ultimi 2 titoli in palio, quelli riservati ai Disabili Fisici “ seduti e in piedi” dove a vincere sono stati rispettivamente Omar Radaelli del Tav Lovere e Antonio Pesenti del Tav Cieli Aperti.

Si chiude così un'altra bella pagina di questo nostro sport che ogni volta ci regala nuovi spunti per iniziarne un'altra. L'unica cosa certa e che solo nell'ultimo atto, e a volte anche oltre, riusciremo a sapere chi è stato il più bravo su un sempre più cospicuo lotto di pretendenti capaci di sorprenderci ogni volta di più.

 

Classifiche

Seconda: 1)Adamo Folloni; 2) Roberto Armani; 3) Fernando Caim.

Terza: 1) Luciano Bono; 2) Ugo Sabatti; 3) Enrico Massardi.

Veterani: 1) Giacomo Bovolenta; 2) Marco Del Picco; 3) Armando Barbi.

Master: 1)Mario Barbieri; 2)Piergiovanni Giagnoni; 3) Gianfranco Mosca.

DSF (in piedi): 1) Antonio Pesenti.

DSF (seduti) : 1) Omar Radaelli

 

 

 

 

 

 




Torna ai contenuti | Torna al menu